mercoledì 4 marzo 2009

Indiana Michi alla ricerca del cervello perduto

Chiedo scusa per la prolungata assenza ma ho dovuto intraprendere una lotta senza esclusione di colpi contro la dea occhialuta. (si perché la sfortuna, a differenza della sua quasi omonima, non solo ci vede benissimo, ma si mette pure gli occhiali per vederci meglio). Il problema è che in tutto questo il mio cervello ha deciso di partire per altri lidi. 


Indiana Acca ha trascorso una decina di giorni qui con me. Sorvolando sul fatto che fino a pochi giorni prima sembrava  che non potesse venire, (primo colpo, per fortuna schivato) ho combinato tanti e tali pasticci che non riesco nemmeno a ricordarmeli tutti.


Ho esordito appena prima del suo arrivo rompendo il letto. Vi ricordate il letto nuovo IKEA di qualche post fa? Beh, mi si è rotto. Ma proprio spaccato. In realtà il problema è che lo avevo montato male (ho capito pure l'errore, davvero minimo) ma la cosa non mi consola.



Insomma, siamo andati da Ikea due volte, portando indietro i pezzi del letto (enormi e pesantissimi) in autobus, naturalmente con 1 cambio. Miracolosamente sono riuscita a farmi ridare indietro i soldi e ho comprato un letto nuovo. Fra l'altro ho anche scoperto che il vecchio, ANEBODA, è sconsigliato persino dai commessi, dicono che sia praticamente d cartone.


Poi ho perso l'agendina.


ag s photo 012


Poi ho perso il cappello comprato a Parigi a cui tenevo tanto.



Poi ho perso uno dei guanti da sci di Indiana Acca, e i guanti da sci costano un sacco.


Poi ho perso il biglietto per due persone per Francoforte, naturalmente il controllore è passato e abbiamo pagato 80 euro di multa.


Poi ho fatto un regalo a Indiana Acca che non andava bene e per cambiarlo abbiamo girato mari e monti.


Poi il tempo ha sempre fatto schifo.


Poi ho avuto un diverbio con le mie coinquiline.


Poi mi si è rotto il cavo dell'alimentatore del computer.


Poi lo stick USB di Indiana Acca ha deiso di smettere di funzionare nel momento in cui mi serviva.


Poi ho sbattuto contro una porta a vetri (tipo film demenziale) procurandomi un discreto bernoccolo.


Poi ho laciato l'ombrello a casa di una mia amica (il giorno dopo pioveva... e ho perso il cappello)


Poi ho perso la sciarpa, ma la fortuna ha avuto pietà di me e me l'ha fatta ritrovare.


AVVISO: Se qualcuno avesse per caso visto in giro un cervello di dimensioni medie con dentro un sacco di nozioni assurde e inutili (ad esempio una conoscenza approfondita dei fumetti di Asterix e una buona collezione delle battute di Campanile) e nessuna nozione utile (da escludere tutti i cervelli che contengono più di dieci date comprese negli ultimi 4 miliardi di anni) vi prego di farmelo sapere. E ditegli di tornare a casa che mi serve. TANTO. Grazie.


11 commenti:

  1. Allora: crisi col mio compagno (per fortuna risoltasi), recessione contratto affitto scadenza tra max 4 anni (dopo 12 anni che ci abito), beccati tre virus sul pc (poi debellati), tempo di m, lavoro di m. Le minuzie mi sfuggono.

    RispondiElimina
  2. Finalmente un blog di persone normali!

    O no...

    :-)

    RispondiElimina
  3. Azz...


    In pochi giorni hai consumato una dose di sfiga bastante un anno per una città intera.


    Hai provato ad interpellare uno bravo... Tipo Don Zauker? ;-)


    Per il cappello, l'ombrello ed il cervello, di solito dicono che per ritrovare una cosa basti ricomprarla che subito quella perduta salta fuori (ed io posso testimoniare che è vero!). Per il cappello e l'ombrello direi che non ci sono problemi, per il cervello.... beh..qualcuno forse :-)


    In bocca al lupo!


    ---Alex


    PS = pitumpi windows=virus. Eliminato windows eliminati i virus. Se proprio non se ne può fare a meno, tenerlo aggiornatissimo assieme ad un buon antivirus ed un anti-spyware (da mantenersi aggiornati anch'essi) almeno evita guai peggiori.

    RispondiElimina
  4. @Pitunpi: io te l'ho detto che siamo state separate alla nascita...

    @Nuvole: Chi io? Persona normale? E' la prima volta che me lo sento dire... per caso sei un archeologo dedito alla genetica pure tu?

    @Alex: credevo anche io, ma la sfortuna si è aggiornata, ho ricomprato l'agenda ma non ho ritrovato la vecchia. Il cappello l'ho lasciato sul treno attorno a Dusseldorf. L'ombrello l'ho recuperato. Il cervello... beh, c'è tanta gente che ne fa a meno, perché non io? ;-)

    RispondiElimina
  5. Certo che ne hai inanellate una serie impressionante...non è che inavvertitamente hai messo il cervello in modalità sleep?


    Oppure ti devo raccontare di quella volta che ho lasciato il cellulare sul tetto della macchina e poi sono partito?

    RispondiElimina
  6. L'anonimo di sopra sono io...


    Angelo

    RispondiElimina
  7. @ Angelo: no, credo proprio che il mio cervello abbia deciso di darsi alla macchia... ma tanto torna... eeehhh, se torna...

    RispondiElimina
  8. ooops, quel cervello l'ho affettato per osservarne le sinapsi neurovegetative......

    RispondiElimina
  9. NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!! Come hai potuto farmi questoooo!!! E ora come faccio a sopravvivere non sapendo più niente dei fumetti di Asterix? CRUDEEEELEEEEEE!!!

    RispondiElimina
  10. Intanto eccoti il post richiesto:

    http://dailygodot.wordpress.com/2009/03/08/il-mistero-della-pietra-vestita-di-rosso/

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.