martedì 6 novembre 2007

Generazione anni 80

E voi che generazione siete? ecco la mia!


Noi che ci divertivamo anche facendo 'Strega comanda color' e "regina reginella" e i passi più gettonati erano quelli a barattolo
Noi che facevamo 'Palla Avvelenata'
Noi che giocavamo regolarmente a 'Ruba Bandiera'.
Noi che non mancava neanche 'dire fare baciare lettera testamento'
e incidevamo la lettera sulla schiena in un modo che l'inquisizione ci ha sempre invidiato
Noi che i pattini avevano 4 ruote non allineate e si allungavano quando il piede cresceva e non usavamo casco, polsiere, ginocchiere ma siamo sopravvissuti lo stesso
Noi che mettevamo le carte da gioco con le mollette sui raggi della bicicletta. no questo non lo facevo
Noi che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più figo.
Noi che 'se ti faccio fare un giro con la bici nuova non devi cambiare le marce'.
Noi che passavamo ore a cercare i buchi sulle camere d'aria mettendole in una bacinella. perché, ora come si fa?
Noi che il Ciao si accendeva pedalando.
Noi che suonavamo al campanello per chiedere se c'era l'amico in casa. e se non c'era la sua mamma ci offriva il gelato 'la Cremeria'
Noi che facevamo a gara a chi masticava più big-babol contemporaneamente. ed erano rigorosamente piene di zucchero e coloranti
Noi che avevamo adottato gatti e cani randagi che non ci hanno mai attaccato nessuna malattia mortale anche se dopo averli accarezzati ci mettevamo le dita in bocca.

Noi che i termometri li rompevamo, e le palline di mercurio giravano per tutta casa.
Noi che dopo la prima partita c'era la rivincita, e poi la bella, e poi la
bella della bella. (pure mò)
Noi che giocavamo a 'Indovina Chi?' anche se conoscevi tutti i personaggi a memoria (e la domanda 'è uomo o donna si poteva fare per 10° perché se no se ti capitava una donna con gli occhiali e il cappello era la fine)
Noi che giocavamo a fiori frutta e città (e la città con la D era sempre Domodossola)..
Noi che con le 500 lire di carta ci venivano 10 pacchetti di figurine. No, vebbè, a quell'epoca ancora non c'ero... però mi ricordo i gettoni del telefono che valevano 200 lire!
Noi che ci mancavano sempre quattro figurine per finire l'album Panini. E ne avevamo 200 copie di quelle più brutte con non avremmo potuto scambiare neanche pagando.
Noi che avevamo il 'nascondiglio segreto' con il 'passaggio segreto'.
Noi che le cassette se le mangiava il mangianastri, e ci toccava riavvolgere il nastro con la penna. Io ero evoluta e usavo le chiavi che facevo prima
Noi che in TV guardavamo solo i cartoni animati. E solo di Walt Disney perché gli altri erano diseducativi
Noi che avevamo i cartoni animati belli!!! e il sabato sera c'era Romina Power che presentava il cartone Disney sulle note di "When you wish upon a star"
Noi che abbiamo raccontato 1.500 volte la barzelletta del fantasma formaggino. Io l'ho raccontata l'ultima volta meno di un mese fa per istruire le nuove generazoni  sfortunate (18enni) che non la conoscono.
Noi che ci emozionavamo per un bacio su una guancia.
Noi che non avevamo il cellulare per andare a parlare in privato sul terrazzo. ma manco la possibilità di usare il telefono quando ci pareva
Noi che i messaggini li scrivevamo su dei pezzetti di carta da passare al compagno. o da mettere fra la sedia e la schiena del compagno davanti
Noi che si andava in cabina a telefonare. coi gettoni
Noi che c'era la Polaroid e aspettavi che si vedesse la foto. e dopo qualche tempo la foto si schiariva, si sfogliava e rimpiangevi di non aver usato il rullino
Noi che non era Natale se alla tv non vedevamo la pubblicità della Coca Cola con l'albero. e non arrivavano a scuola i cataloghi dei giocattoli della GIG e della Giochi preziosi
Noi che le palline di natale erano di vetro e si rompevano.
Noi che al nostro compleanno invitavamo tutti, ma proprio tutti, i nostri compagni
di classe. oppure portavamo la torta a scuola e facevamo un regalino ciascuno diversi per maschi e femmine
Noi che facevamo il gioco della bottiglia tutti seduti per terra.
Noi che se guardavamo tutto il film delle 20:30 eravamo andati a dormire tardissimo.
Noi che giocavamo a calcio con le pigne.
Noi che le pigne ce le tiravamo pure. e finché sono aperte va pure bene, ma chiuse....
Noi che suonavamo ai campanelli e poi scappavamo. e non c'erano telecamere a riprenderci
Noi che nelle foto delle gite facevamo le corna ed eravamo sempre sorridenti. salvo poi pestare chi faceva le corna
Noi che il bagno si poteva fare solo dopo le 4. e se erano le 4 e mezza era meglio
Noi che a scuola andavamo con cartelle da 2 quintali. senza carrellino
Noi che quando a scuola c'era l'ora di ginnastica partivamo da casa in tuta. e era comprata al mercato, non dell'adidas o della nike
Noi che a scuola ci andavamo da soli e tornavamo da soli.
Noi che se a scuola la maestra ti dava un ceffone, la mamma a casa te ne dava due.
Noi che se a scuola la maestra ti metteva una nota sul diario, a casa era il terrore.
Noi che le ricerche le facevamo in biblioteca, mica su Google. e per le immagini usavamo i libretti "ricerca" che si compravano dal cartolaio
Noi che internet non esisteva.
Noi che però sappiamo a memoria 'Zoff Gentile Cabrini Oriali Collovati Scirea Conti Tardelli Rossi Antognoni Graziani (allenatore Bearzot)'. io no, è grave?
Noi che 'Disastro di Cernobyl' vuol dire che non potevamo bere il latte alla mattina.
Noi che compravamo le uova sfuse, e la pizza alta un dito, con la carta del pane che si impregnava d'olio. ed era quella la merenda
Noi che non sapevamo cos'era la morale, solo che era sempre quella.. fai merenda con Girella.. questa non l'ho capita...
Noi che si poteva star fuori in bici il pomeriggio.
Noi che se andavi in strada non era così pericoloso.
Noi che però sapevamo che erano le 4 perché stava per iniziare BIM BUM BAM.
Noi che sapevamo che ormai era pronta la cena perchè c'era Happy Days. no, questo proprio non me lo ricordo
Noi che il primo novembre era 'Tutti i santi', mica Halloween.


Che fortuna esserci stati!


 

9 commenti:

  1. Praticamente noi... che adesso siamo disorientati perche' tutto e' cambiato

    RispondiElimina
  2. Ci pensavo anch'io poco fa... Soprattutto al fatto dei messaggini scritti con la penna. Ne conservo di bellissimi.

    Grazie, avevo voglia di provare un po' di sana nostalgia.


    Slicca

    RispondiElimina
  3. le cassette le riavvolgevo con la penna sì....ma facendo ruotare la cassetta....10 secondi e zac! ;)

    io c'eroooooooooooooooooooooo!!!!! quant bei ricordi, grazie michi!!! ^-^

    RispondiElimina
  4. e' strano ma molte di queste cose anche io le ho fatte anche se non ero ancora in italia...io guardavo sollettico, perche' italia uno non lo prendeva....anche io mi sento fortunata di esserci stata...

    ps io i bigliettini li scrivo ancora...anche all'universita'...e' bellissimoooooo...

    un abbraccione...poi mi racconti del viaggio in malta...

    RispondiElimina
  5. @jonuker: hai ragione, però credo che sia meglio essere disorientati avendo vissuto la nostra infanzia che essere perfettamente adattati alla vita di adesso ma aver perso tante cose... (oddio mi sembro mia nonna ^__^)

    @Slicca: anche io ne ho conservati di bellissimi, perfino con i disegnini!

    @Sunny: pensa che da piccolissima mi divertivo a svolgere le cassette dei miei (avrò avuto 2 anni...). E a natale ricevevo i dischi in vinile dello Zecchino d'Oro!!!!

    @Nalablu: in effetti anche io non guardavo Bim Bum Bam ma Solletico... ho rivisto Mauro Serio in una trasmissione qualche giorno fa... che impressione!

    RispondiElimina
  6. non si esce vivi dagli anni '80!!!

    RispondiElimina
  7. insomma, noi che eravamo bambini negli anni 80... nostalgia, come per le infanzie di tutti, questo post lo potrebbero fare aggiornato quelli che erano bambini nei 70, 60, 50 e via via... ognuno ha i suoi ricordi. Però questa "Noi che se a scuola la maestra ti dava un ceffone, la mamma a casa te ne dava due." ha implicazioni sociali enormi, perchè oggi oggi , non dico schiaffi, ma se la maestra dà una nota la mamma va dal preside a protestare, e infatti i giovani di oggi sono delle bestie che non conoscono il rispetto per niente e nessuno...

    RispondiElimina
  8. Sono d'accordo con te per la seconda parte del discorso!

    pr la prima... non so! quando mia madre ha letto il testo mi ha detto "ma questa è la generazione di zio!" (circa cinquantenne)... credo che la nostra infanzia assomigli di più a quella dei nostri genitori rispetto a quella delle persone di 10 anni più piccole...

    RispondiElimina
  9. Secondo me questo decennio non lo batterà mai nessuno, sarà sempre unico ed inimitabile. Certo qualcuno può pensare che dico così perchè ci sono nata e perchè mi evocano tanti bei ricordi felici, ma non lo dico soltanto per questo...E' proprio che c'era tutt'altra aria e tutto sembrava perfetto, dai programmi alla tele alla musica ecc...della serie: si stava meglio quando si stava peggio!! Per me è impossibile dimenticarli! ^_^

    Ti auguro un buon proseguimento di settimana!

    Bacioni grandi

    Elena

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.