giovedì 28 gennaio 2016

Strategie alternative per la sollecitazione di risposte accademiche

Caro Superprofessore Megagalattico con cui sto collaborando e che da settimane non mi rimanda la bozza corretta dello spettacolare articolo che stiamo scrivendo insieme,
ti presento Arturo.

"Allora?"

Arturo è un cucciolo di coccodrillo appassionato di scienza, principalmente fisica quantistica, astrofotografia e antropologia biologica.
Da alcuni giorni ogni volta che torno a casa trovo Arturo a fissarmi con l'espressione della foto.
Non solo, appena lascio per un secondo il computer incustodito lo ritrovo che preme freneticamente il pulsante di "aggiorna casella di posta" di gmail.

"Rispondi! Dai! Rispondi!"

Il problema è che Arturo è eccitatissimo all'idea di leggere la bozza finale dell'articolo su cui stiamo lavorando e che continui imperterrito a non mandarmi, e non avrà pace finché non gli sarà possibile farlo.
Ho provato a farlo ragionare, a spiegare che deve aver pazienza, che anche io ci sto mettendo più del previsto a migliorare la bozza dell'articolo che ti devo mandare (tanto se non finisci di correggere il primo il secondo non lo guardi nemmeno), e che ossessionarsi non serve a nulla, ma non ho avuto successo.
C'è modo di dare ad Arturo una data entro la quale sarà finalmente in grado di realizzare questa sua grande aspirazione?
Grazie
Michela

Questa mail, comprese le foto, è stata effettivamente mandata stamattina. Si, davvero.
Ora Arturo ed io attendiamo impazienti la risposta. Voi incrociate le dita che il Supermegaprof galattico mi risponda (o per lo meno che non chiami la Neuro).

10 commenti:

  1. ti comprendo e ti stimo, sorella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che mi avresti capito! Minori di tre!

      Elimina
  2. Secondo me adesso lo cestina, l'articolo...

    ---Alex

    RispondiElimina
  3. Arturo ?!?
    Ammappalo ... quant' è brutto ! :-)

    RispondiElimina
  4. Eh eh eh .... hai detto bbene !!! :-)))

    RispondiElimina
  5. Essì ... coi miei 190 cm. di statura, lo sguardo "fiero & errante", vuoi mettere ??? Arturo sarà pure simpatico coi suoi occhioni liquidi e sporgenti ... ma resta di peluche e ( francamente ) mooolto bruttarello, mentre io, e scusa la modestia, SONO IN CARNE ED OSSA, oltre che armato di spadone e armatura ! :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ho capito male mi stai dicendo di essere migliore di Arturo. Le mie conoscenze nell'ambito dell'evoluzione biologica mi hanno insegnato che non esiste il "migliore", ma "più adatto". In questo caso non parlerei di più adatto all'ambiente, come in ambito biologico, ma di più adatto allo scopo. Lo scopo di Arturo è di farmi sorridere quando lo guardo, e soprattutto di ricordarmi di guardare il futuro con fiducia. Ho scelto Arturo perché fra tutti i peluche come lui che lo circondavano era quello con lo sguardo più sereno e fiducioso, ed è questo il motivo per cui lo tengo vicino al mio cuscino. Per cui mi dispiace dirti che per lo scopo per cui ho bisogno di lui Arturo è decisamente più adatto di te (i profani direbbero "migliore"), e il tuo metro e novanta di altezza, il tuo essere in carne ed ossa e il tuo spadone e la tua armatura non possono aiutarti in questo frangente. Non te la prendere eh, mica si può sempre essere i miglior.. ehm, "più adatti" in tutto... :P

      Elimina
    2. Lo sguardo errante mi lascia perplesso... indica un parziale strabismo? Per il resto mi complimento per il portamento, anche se uno e novanta con spadone armatura dev'essere scomodo per il povero cavallo.
      Cavallerescamente saluto, anche se preferisco la cavalleria alata a quella trottante. Ossequi.

      Elimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.