domenica 22 marzo 2015

Servono ripetizioni di fisica?

Southampton, esterno, notte.

Swoooooshhhhhhh..... Swooooooooooooshhhhhhh....

Indiana Michi: Ci voleva proprio il vento! Mi sto congelando!

Swooooshhh..... Swooooooooooossssshhhhhhhh.....

 AmicoG: Non preoccuparti, vieni vicino al muro!

Swooooooooooooshhhhhhh.... Swooooooooooooshhhhhhh....

IM: perché? il vento è parallelo al muro, mica fa da barriera!

AG: È fisica dei fluidi. Per la regola della no-slip condition, avvicinandoci al muro la velocità del vento diminuisce fino ad azzerarsi al contatto con il muro stesso.

(si avvicinano al muro)

SWOOOOOOOOOOSSSSHHHHHHHHHHHH...... SWOOOOOOOOOOOOOOSSSSSHHHHHHHH!!!

Indiana Michi e Amico G poco dopo essersi spostati vicino al muro (visibile in basso), 
dipinti dal grande pittore Marc Chagall. Fonte.

Secondo me il vento era stato rimandato in fisica dei fluidi. Impressione personale, eh....

10 commenti:

  1. Ma la no-slip condition fa parte della stessa famiglia dell'effetto Venturi? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo la tastiera ad AmicoG (io non ho idea di cosa tu stia parlando, perdona una povera paleontologa): l'effetto Venturi dice che il prodotto pressione per velocità é costante (all'interno di un tubo ad esempio), mentre la condizione di non scivolamento dice che la velocità deve essere nulla a contatto col bordo esterno, essendo la parete ferma e non essendoci nessuna singolarità o discontinuità lungo lo stesso. Da qui se ne deduce poi che allontanandosi dalla parete la velocità aumenta (non linearmente per via dello strato limite) fino a diventare massima al centro del condotto o genericamente più lontano dalla parete.

      Così parlò AmicoG. Poi mi faccio dare ripetizioni....

      Elimina
    2. Ho studiato dinamica dei fluidi all'università, ma è successo quando ero giovane quindi non mi ricordo molto, tranne che l'effetto Venturi e l'effetto 'camino che tira' :D
      Grazie per la spiegazione!

      Elimina
    3. Infatti il camino tira proprio perché l'area si restringe e quindi la velocità dell'aria/fumo aumenta.

      Elimina
  2. Piccola considerazione: ho paura che la "no slip condition" valga per i fluidi in moto laminare o assimilabile non certo per il vento (che si muove in modo turbolento)...
    O sbaglio?

    ---Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ho idea, farò rispondere AmicoG. L'unica cosa che posso dirti è che per esperienza personale vale per l'acqua (e lo sa chiunque abbia nuotato/navigato in un fiume).

      Elimina
    2. Si, dovrebbe essere valida solo per il moto laminare. A quanto pare anche il vento se lo ricordava (ma io no).

      Elimina
    3. Beh, poteva anche avere la decenza di spiegarlo in modo più cortese! un bacio a tutti e due (AmicoG e Alex, il vento non se lo merita ;) )

      Elimina
  3. Io la spiego in classe come una specie di 'attrito' del fluido a contatto del solido, pensa alla velocità delle onde del mare in prossimità della spiaggia, velocità che diminuisce (fino ad annullarsi) perché l'acqua diventa meno profonda. Buona Pasqua a tutti e due! :-)

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.