venerdì 23 maggio 2014

Cronaca in differita dei festeggiamenti - parte 1

Come precedentemente discusso, la settimana scorsa Indiana Michi ha compiuto 30 anni.


Questo avvenimento storico ha portato due conseguenze molto importanti. La prima è che un evento del genere va festeggiato per minimo una settimana (mica stiamo a pettina' le bambole noi). La seconda è che come tutti sanno lo 0 in matematica non conta niente (CasiPaologici direbbe che non conta niente solo se è a sinistra, tanto che gli spagnoli ne hanno fatto un detto "conti come uno zero a sinistra", ma non sottilizziamo). Per cui mi sembra più che corretto festeggiare come se di anni ne avessi 3.

Compiendo gli anni lunedì 12 è stato deciso di dare inizio al ciclo di festeggiamenti il venerdì precedente. AmicoG ha preso in mano la situazione e ha portato Indiana Michi ad un parco. Ma non ad un parco normale, bensì al Victoria Park dove c'è l'area parco giochi dove i giochi sono a dimensioni adulti. Lo scivolo è lungo diversi metri, e il didietro di Indiana Michi, notoriamente spazioso, ci entra senza problemi. Le altalene sono enormi. Il girello pure. Eccetera.

12 volte 5 anni (in due)...

Il sabato AmicoG insisteva che dovevano andare a fare un giro verso est, sulla sponda nord del Tamigi. Pioveva, Indiana Michi aveva un abbiocco tale che letteralmente dormiva in piedi. Si è addormentata in metro, e non ricorda di aver fatto il cambio. Dopo un'endovena di caffeina da Starbucks (la cosa più simile al caffè che Indiana Michi riesca a bere) le cose sono andate meglio. 

Ho trovato il tesoro alla fine dell'arcobaleno!

Effetto seppia assolutamente naturale -_-"

E fra un arcobaleno e uno sgrullone d'acqua (le foto sopra riportate sono state scattate a circa 7 minuti l'una dall'altra, nell'ordine mostrato), AmicoG e Indiana Michi si sono avventurati lungo le rive del Tamigi. E Indiana Michi è impazzita, come resistere a metri e metri di questo?


E mentre AmicoG cercava conchiglie e con grande attenzione sceglieva solo "quelle belle" (no, questa non è abbastanza bella, posala) Indiana Michi saltellava leggiadra (non sia mai che rompi qualcosa) esclamando giuliva ed entusiasta "Guarda! Un metapodiale! ...Che spettacolo di epifisi! ...Una costola ancora intera! ...Un frammento di ceramica decorato! (= pezzo di mattonella di un bagno del tardo XX secolo AD) ...Ooooh! una selce!!! (il 95% dei sassi presenti era selce)". AmicoG a quel punto aveva acquisito piena consapevolezza del suo errore e rimpiangeva la sua scelta romantica di andare a vedere il Tamigi da vicino. È infatti evidente che AmicoG non ha conosciuto Indiana Michi nel periodo d'oro della sua carriera archeologica, altrimenti non avrebbe mai azzardato un simile passo. E mentre queste drammatiche riflessioni attraversavano la mente del tapino, per la successiva ora Indiana Michi si caricava di pezzi di ossa e frammenti di cose strane ("Michi, ma che ci fai poi?" "Me le tengo! Sono bellissime!!!!" "Ooookk..........").

Il giorno dopo, la domenica, AmicoG ha deciso che no, non si era sacrificato abbastanza all'altare delle follie Indianamichesche, per cui "Dai! Andiamo al Museo di Storia Naturale!" 

Ciao ciao Hallucigenia! 
(si la foto è bruttina, ma quella con Anomalocaris è persino peggio)

E dopo essere "entrati nella terra",  dopo aver toccato pietre e sassi, dopo aver salutato Anomalocaris e Hallucigenia, dopo aver fatto di corsa ciao ciao con la manina a Darwin, Indiana Michi e AmicoG si sono ritrovati a passeggiare tranquilli fra i fiori di Hyde Park.


E un'idea geniale balenò nella mente di Indiana Michi: domani festeggiamo al Museo! E così fecero....

TO BE CONTINUED

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.