venerdì 2 novembre 2012

Indiana Michi: foglietto illustrativo

Dopo la partenza di AmicaLettrice e AmicoHacker mi sono resa conto di una serie di effetti collaterali che tendo ad causare in tutte le persone che passano qualche giorno a strettissimo contatto con me (24/24h per capirci). Ora, per amore di informazione credo sia il caso di condividere questi temibili effetti con voi che mi leggete, che potreste un giorno o l'altro anche venire in contatto con me e soffrire della Sindrome da Indiana Michi. Così chi si spaventa può scappare ora, e i temerari procederanno a loro rischio e pericolo.

Questo studio è stato effettuato su un campione di 6 persone, di entrambi i sessi, che sono entrate a contatto in maniera continuativa con Indiana Michi per almeno un fine settimana. Tutte hanno presentato gli stessi sintomi. Il campione è in via di ampliamento.

Effetti collaterali di lieve (insomma...) entità

Mal di piedi: il moto continuo che Indiana Michi obbliga a compiere in giro per la città ala ricerca di luoghi caratteristici, scorci sconosciuti, musei appropriati agli interessi del malcapitato di turno della persona in questione portano allo sviluppo di una malattia ai più nota come "me fumano le fette". Si consigliano scarpe MOLTO comode e pediluvi giornalieri.

Nerditudine: in seguito alla visita di luoghi quali il collegio dove ha studiato Charles Darwin, musei della scienza a gogò, librerie ad ogni angolo di strada, mostre su illustri matematici, negozi di Lego e simili c'è il rischio di piombare nella nerditudine più totale. A quel punto si consiglia almeno di evitare la visione della serie televisiva "The Big Bang Theory" per non peggiorare la situazione.

Risate: il contatto prolungato con Indiana Michi può portare a acuti attacchi di ridarella prolungati e ripetuti durante la giornata. In caso di lacrimazione degli occhi si consiglia un buon collirio, per il resto spassatevela.

Effetti collaterali gravi

Crisi di identità: il confronto con il proprio alterLego può creare forti crisi di identità (tipo "vabbè che facendo scherma la spada ci sta, ma l'uncino e la gamba di legno non sono proprio adatti a me...").

Tenerezza: Indiana Michi tende a suscitare tenerezza nelle persone che entrano a contatto con lei. Nota maggiormente come "sindrome del gatto con gli stivali" non è possibile definirne le cause scatenanti, in quanto Indiana Michi tendenzialmente non è cucciola e tenera come il famoso felino di Shrek. La sindrome suddetta si evidenzia con un accresciuto senso di protezione, interesse crescente per le disavventure IndianaMichesche accompagnati da impulsi irrefrenabili di dare consigli saggi e pertinenti. Colpisce a tradimento anche le persone più "orse" che tuttavia tendono a non riconoscere la gravità della sindrome in atto.

Abbracci: in seguito alla comparsa della Sindrome del Gatto con gli Stivali la reazione classica di Indiana Michi è di intensificare gli abbracci e le espressioni di affetto. Per quanto possa essere piacevole ricevere una stretta amichevole, occhio alle costole, che la nostra eroina non si distingue per la snellezza e fragilità.

Miagolio: dopo qualche giorno di frequentazione continua potreste provare l'irresistibile impulso di miagolare. Nonostante numerosi team di scienziati stiano cercando una cura per questa piaga al momento nessun rimedio è conosciuto. L'unico consiglio che posso darvi è MIAO.

Però fin ad ora nessuno si è lamentato... vedremo le prossime cavie i prossimi ospiti!


16 commenti:

  1. Interessante. Che ne diresti di uno che tenta in tutti i modi di deviare la conversazione sulla programmazione? L'ottimale sarebbe il Lisp (quello delle origini) ma va bene anche Python, o Go (in fase di approfondimento).
    No, perché le premesse mi sembrano accattivanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nessun problema, poi se mi spieghi anche il funzionamento preciso della macchina di Turing (l'ho letto almeno una decina di volte ma me lo dimentivco dopo 2 secondi netti) posso anche farti un monumento ;)

      Elimina
  2. mmm troppe controindicazioni

    almeno sei assicurata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, faccio firmare una liberatoria agli ospiti appena arrivano... ;)

      Elimina
  3. Beh si vede che non siamo stati troppo assieme visto che io ho accusato solo pochissimi di questi sintomi! (anzi pochi, visto che miagolavo pure prima!)

    ---Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi pensavi si riferisse la frase "Colpisce a tradimento anche le persone più "orse" che tuttavia tendono a non riconoscere la gravità della sindrome in atto"??? E comunque mi dispiace per te ma tu fai parte del campione e confermi i sintomi in modo evidente. :P

      Elimina
    2. Non solo miagolavo pure prima ma alla fine erano i tuoi piedi che chiedevano pietà e non i miei
      :-P

      ---Alex

      PS = ma confermo (quasi) tutto, eh! :-D

      Elimina
  4. tu scateni la voglia di drogarsi di indianamichi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, potrei sempre passarti una "dose" la prossima volta che vieni nei dintorni ;)

      Elimina
  5. Per nulla intimidita dagli effetti collaterali, prima o poi la incontrero' la Idianamichi....e magari la battero' anche sulla marcia cittadina :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari, mi piacerebbe un sacco!!!! :)

      Elimina
  6. Fantastica: ne voglio una dose anche io!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, se non ti firmi mi sa che sarà difficile "recapitarla" ;)

      Elimina
  7. Tutto sommato un incontro privo di effetti collaterali... mi domando se tu sia ancora viva :) molto originale, davvero viene voglia di incontrarli quei due

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.