sabato 19 maggio 2012

Indiana Michi e la tazza

Indiana Michi ama le tazze. Una persona poco perspicace potrebbe anche dire che le colleziona, visto che ne avrà una trentina minimo (tutte diverse naturalmente) ma non è così, semplicemente ogni volta che cambia casa/paese se le ricompra da capo. 3 o 4 per sicurezza. Con 8 traslochi 30 tazze sono il minimo sindacale...

Appena arrivata nel Superprestigiosissimo Centro di Ricerca ha visto una tazza bellissima. Non solo ha un logo stilizzato che ricorda il centro di ricerca, ma la forma è molto semplice e i colori sono particolarmente belli.

(no, non è questa, ma anche questa è bella)


Tutta contenta è andata al bar a prendere il caffè, convinta di poter comprare anche la tazza. Non solo le tazze non sono in vendita, ma tutte le tazze del bar sono di un'anonima ceramica bianca. Il logo è riservato agli eventi speciali.



Ma la nostra eroina non si è data per vinta: è andata nello shop del Superprestigiosissimo Centro di Ricerca. Hanno i grembiuli da cucina con le vignette scientifiche. Hanno dentifrici e spazzolini. Hanno le bottiglie dell'acqua con il loro logo (sono curiosa di sapere chi a parte mee comprerebbe una bottiglia per l'acqua con il logo. Io ne prenderò due, una per Indiana Mamma e una per Zio Preferito, ma non è che ci sopravvivano con i miei 10 pounds). Non hanno tazze.

Da non credere.

Oggi uscendo ha visto una tazza di quelle bellissime, reduce da un grande evento. Era tutta triste e sola, su un tavolo nascosto.

Non c'era nessuno in giro.

E lei era lì tutta cucciola che diceva "Lo vedi come sono bella? Eh? Lo vedi?"

E Indiana Michi ha iniziato così la sua carriera di ladra.



Con fare furtivo (Coinquilina Italiana le ha detto che aveva l'aria di nascondere 10 chili di cocaina al controllo doganale) l'ha messa nella borsa ed ora la tazza bellissima campeggia felice vicino ai libri.

Però per favore, non dite niente alla polizia.


22 commenti:

  1. Quando mi interrogheranno dirò che nella fascia oraria in cui è presumibilmente avvenuto il fattaccio eri con me a dar da mangiare alle caprette di heidi (andata a Francoforte a trovare Clara).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, anche Peter è disposto a testimoniare?

      Elimina
    2. Certo! Quello si lascia comprare con un tocco di formaggio! ;o)

      Elimina
    3. da qui posso mandargli del Cheddar, ma abituato ai formaggi svizzeri non so se apprezzi :D

      Elimina
    4. Non preoccuparti. ghe pensi mì. ;o)

      Elimina
    5. Guarda, sono già stata denunciata da Matteo, a questo punto ho confessato nel prossimo post... grazie del supporto comunque, mi sdebiterò!!!

      Elimina
  2. Non so se puo' consolarti ma sono certissima che di quelle tazze ne spariscono non poche ad ogni evento.
    E poi è colpa loro che non hanno pensato a venderle....si chiama istigazione a delinquere :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti, io se fosse stato possibile comprarla non l'avrei certo fregata...

      Elimina
  3. Ahahahah...i sospetti non cadrebbero maaaaaaaaaaaaai su un'Italiana.NoNo.

    Comunque anche io amo le tazze, ma quelle della Germania, le ho lasciate lì..non tutte ma una buona parte.. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè, allora sono tranquilla, metà dello staff è composto da italiani....

      Elimina
  4. Tazza? Quale tazza? ;-)

    ---Alex

    RispondiElimina
  5. ahahah fantastica però...voglioamo vedere la tazza se vuoi il silenzio...

    RispondiElimina
  6. 1) Non temere non sei l'unica che colleziona le tazze. Io ne ho della Sapienza, del Wagenr college, dell'università di Liegi. ;)

    2)I miei amici hanno depredato una nota birreria bavarese di tutti i tradizionali boccali di birra da un litro. Io ho comprato il mio insieme alla maglietta. Non era nemmeno a buon mercato. Durante il viaggio di ritorno, il mio boccale è l'unico che è andato in frantumi. A volte il crimine paga.

    3) Quando usi la tazza, promettici di fare almeno una volta una risata da supercattivo. Qualcosa a metà tra Darth Vader e Skeletor per capirsi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Mi consolo allora!

      2) Se questa mi si rompe giuro che piango, dopo tutto lo sforzo fatto :D

      3) buahahahahahaha.................... (e comunque anche Cattivik non è male come supercattivissimo)

      :D

      Elimina
  7. Mi spiace cara, ma ho già avvertito l'autorità competente.

    RispondiElimina
  8. :) Ecco dov'era finita !! :)
    Dancer

    RispondiElimina
  9. l'anno scorso sono stata ad una degustazione di vino e pesce dove compreso nel prezzo ti regalavano due calici con disenato un pesciolino e il nome dell'evento, peixe em lisboa. un bicchiere l'ho rotto purtroppo, quindi quest'anno ci sono tornata apposta. ti lascio immaginare la delusione quando ho scoperto che i bicchieri erano semplici, senza il pesce! avrei rubato anch'io al posto tuo...

    RispondiElimina
  10. sigh..... capisco la tua frustrazione!!!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.