martedì 21 febbraio 2012

Dedicato al mio zio preferito

Indiana Michi ha uno zio preferito.

È il suo unico zio, ma anche se ne avesse 18 sarebbe sempre lui il suo zio preferito. Fin da piccola ha sempre pensato che sia esattamente come dovrebbe essere uno zio: alto (per arrampicarcisi sopra ), forte (per prendere in braccio e fare giochi bellissimi tipo volavolavola), giovane (perché interceda presso mamma e papà a favore della sua nipotina preferita), sportivo (per portare in barca, insegnare a fare i tuffi, sciare insieme e giocare con sicurezza quando ci sono le onde), con un micio (i bambini devono sempre avere un micio con cui giocare) eccetera.

Però ziopreferito ha una marcia in più: è un intellettuale. Ma non di quelli che sembra che sappiano tutto e invece non capiscono niente, no, ziopreferito è una sorta di Wikipedia ambulante e più interessante, ma non se ne vanta.

Sa sempre quello che succede in giro, e ha sempre una risposta pronta ai miei dubbi. Quando succede qualcosa di terribile in ambito politico, sociale o simili, ziopreferito sa sempre cosa dire, ha sempre il consiglio adatto per la situazione, e riesce a renderla comprensibile e molto meno terrificante di quanto sembri prima di parlargliene. 

Inoltre dice spesso parole che non uso mai ma mi piacciono molto, come "bizzarro"o "egregio". E poi fa una serie di cose stupende: scrive benissimo, racconta storie meravigliose anche se pretende di no, trasforma una serie di numeri in testi di canzoni, disegna in modo egregio, ha anche fatto delle statue di argilla molto belle.

Se questo non bastasse è il mio personale spacciatore di libri bellissimi. Quando sono triste, quando sono confusa, quando ho problemi e ho bisogno di un libro che mi trasporti in un mondo lontano anni-luce dal presente, chiamo ziopreferito, e lui ha subito la risposta giusta. La maggior parte dei libri bellissimi di cui parlo nel blog libresco sono stati consigliati o regalati da lui.

Ziopreferito, oltre a tutto, è molto paziente. Quando Indiana Michi ha momenti di paturnie, di incertezza o semplicemente ha qualche idea balzana per la testa scrive a ziopreferito una mail bizzarra, e lui le risponde ogni volta in modo tranquillo, sensato e interessantissimo.

Indiana Michi cerca di ricambiare tutte queste cose bellissime regalandogli formine per i biscotti a forma di rinoceronte, libri scritti da lei in tedesco, bicchieri krukki e dipinti preistorici storti. E nonostante tutto questo ziopreferito continua a volerle bene, a difenderla a spada tratta contro tutto e contro tutti e a regalarle libri bellissimi.

Buon compleanno ziopreferito, ti voglio bene!!!! E appena torno andiamo a fare i tuffi in piscina!



7 commenti:

  1. Ecco cosa voglio fare da grande: la zia preferita!

    RispondiElimina
  2. Ogni volta che scrivi del tuo zio preferito mi viene in mente il mio, di zii preferiti, il fratello un po' svitato della mia altrettanto "speciale" mamma.

    A scuola era una frana, ma poi era capace di leggersi tomi ponderosi se erano su qualcosa che lo interessasse (tipo l'opera omnia di Marx).

    Sportivissimo (caso unico e solo in famiglia), tentó di avviarmi allo sport, ma la mia imbranataggine non si diede per vinta, mi usava come "sparring partner" ai corsi di autodifesa che insegnava: "é la mia nipotina, se le faccio male non si offende" diceva, per poi annodarmi in una simpatica presa di judo o simili.

    A un certo punto si compró una moto, ci mettemmo daccordo e mi venne a prendere a scuola (ero alle medie). Fu un momento indimenticabile, lui in tuta rossa e col casco integrale,fermo davanti al cancello, io che esco da scuola facendo finta di niente e monto sulla moto come se fosse la cosa piú normale dell'universo! Peccato non aver fatto una foto delle facce sorprese dei miei compagni, impagabile.

    Tutti dovremmo avere uno zio preferito, magari un po' speciale.

    Purtroppo il mio ha avuto la sfortuna di beccare un cancro rarissimo, cosí raro da essere praticamente incurabile, e non c'é piú.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :(
      un abbraccio forte forte, mi dispiace averti causato ricordi tristi :-*

      Elimina
  3. Auguri al tuo zio preferito! Io non ne ho uno. E' un ramo di parentela non molto fortunato nel mio albero genealogico. :)

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.