domenica 29 gennaio 2012

brrrrrr

Indy è risalito oggi pomeriggio su un treno triste, così triste che più triste non si può.

E da quando gli ho fatto ciao ciao con la manina e ho visto chiudersi le porte ho sentito tanto freddo.

Che non è ancora passato.

Sono a casa da circa 4 ore, vestita di tutto punto (scarpe comprese che le pantofole rischierebbero di essere troppo leggere), a 5 centimetri da un termosifone ustionante, con una coperta addosso e sento un freddo assurdo.


Ascolta Indy, il cuore te lo sei preso un po' di tempo fa, e mi sta bene, poi hai preso possesso del mio cervello tanto che ho difficoltà a non pensare a te, ma lo accetto volentieri. Ora possiamo fare un patto? Se ti do un pezzetto di fegato mi restituisci anticorpi e globuli bianchi per favore?


13 commenti:

  1. Non esistono treni felici, sono sempre tutti troppo tristi :(

    --Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è vero, i treni di venerdì e di sabato erano molto felici. È l'ultimo che frega...

      Elimina
  2. Esistono anche aerei tristi, come quello su cui è partita R. ieri. :/ Sob Sob... e anche qui fa freddo e c'è la neve... tan ta neve. ps. notato il nuovo link.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un abbraccio di comprensione e consolazione!!!

      Elimina
  3. Risposte
    1. nooooo!!! ma il prossimo aereo felice sarà presto, vero?

      Elimina
    2. dipende se pensi che 25 giorni sia presto o no. cmq aver già prenotato il ritorno, tra 25 giorni, è una consolazione!

      Elimina
  4. Dal greco Threnòs, pianto, lamento ad alta voce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu lo sai che ti adoro, vero??? :-* :-*

      Elimina
  5. davvero un blog molto interessante :D

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.