martedì 22 marzo 2011

Caro Murphy,
è un po' di tempo che vorrei scriverti. Devo farti i complimenti, sei proprio bravo, sai? Non pensavo che fossi così abile, in effetti faccio quasi fatica a crederci. Com'è che dicevi? Se qualcosa può andar male lo farà? Vediamo. Decliniamo questa frase in modo diverso:  ogni volta che un problema sembra sulla via della soluzione, o per lo meno della normalizzazione, crolla tutto di nuovo.
Ce l'ho.
Ogni volta che al lavoro trovo l'errore, o mi viene un'idea nuova, poi non funziona niente.
Ce l'ho.
Ogni volta che spero di avere un attimo di tregua succede di tutto.
Ce l'ho.
E, ok, non sarà lo tsunami o l'emergenza nucleare, ma è la mia vita. MI HAI ROTTO CAPITO?
HAI ROTTO.

Sappilo.


...ci siamo capiti...

2 commenti:

  1. E come diceva nuti:
    "A me rambo..."
    Diglielo, a Murphy!

    RispondiElimina
  2. vedo che hai capito la velata allusione .... :)

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.