mercoledì 2 giugno 2010

Auguri Italia

Va, pensiero, sull'ali dorate;

Va, ti posa sui clivi, sui colli,
Ove olezzano tepide e molli
L'aure dolci del suolo natal!

[...]
Oh mia patria sì bella e perduta!
O membranza sì cara e fatal!

E lo so che i leghisti vogliono proporrre quest'aria come inno della Padania, e che quindi potrebbe sembrare fuori posto nel giorno della Festa della Repubblica Italiana, ma non mi interessa.
Per me Verdi è simbolo del Risorgimento, dell'Italia unita e del Popolo Italiano, e per festeggiare il mio paese da cui sono lontana voglio dedicargli delle parole che fotografano quello che ho nel cuore. Se c'è chi le legge in modo diverso non è un mio problema.

Io nell'Italia ci credo ancora.


Auguri Italia.

9 commenti:

  1. E sai... ce n'è di bisogno, tanto!

    ---Alex

    RispondiElimina
  2. magari il nostro inno sarebbe quello di Mameli......ma, come si dice, conta il pensiero!

    RispondiElimina
  3. lo so bene, infatti non è un inno, ma il mio pensiero che va alla mia patria lontana.

    RispondiElimina
  4. hai ragione. Però poiché questo pezzi è quello preferito dal leghisti....come dire, ho acquisito una specie di "allergia". Ad ogni modo, se è quello che vuoi, ti auguro di tornare presto. Mio figlio a novembre andrà in Francia per un anno :o(

    RispondiElimina
  5. Capisco il tuo punto di vista, ma non posso smettere di amare Verdi o di sentire mie queste parole solo perchè vengono utilizzate da persone di cui non condivido il punto di vista. Per me Verdi rappresenta l'Italia unita, il Risorgimento e il popolo Italiano. Se altri ci vedono il contrario non mi interessa.

    So che è una convinzione non facilmente condivisibile, ma io la penso così.

    RispondiElimina
  6. Non per niente all'epoca si diffuse il motto: viva VERDI (viva Vittorio Emanuele Re Di Italia)

    RispondiElimina
  7. VIVA VERDI
    Alla faccia dei cretini in camicia verde.
    PS: Ci ho messo un po' a capire il perché dell'impeto patriottico di vari bloggers all'estero, che mi ero completamente dimenticata dell'esistenza della festa della Repubblica.
    Vado e arrossisco in un angolo....

    RispondiElimina
  8. unodicinque, abbiamo la stessa malattia, si direbbe.

    RispondiElimina
  9. La nostalgia dell'Italia si fa acuta, quando si vive lontani. Mancano il nostro clima mite, il cibo, le persone care (non necessariamente in quest'ordine. Quando torni? Per le vacanze? Grazie per gli auguri, che ricambio, cittadina Michi!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.