martedì 16 febbraio 2010

Indiana Michi VS Murphy 2: la vendetta!

Avevamo lasciato una stanca ma speranzosa Indiana Michi alle soglie di un fine settimana carnevalesco in compagnia di Indy.

Dopo un mese passato a discutere sul vestito, alla fine ce l'abbiamo fatta a trovare un costume bello, spiritoso, adatto a noi eccetera eccetera. La stoffa è stata comprata a Mainz e i vestiti assemblati a Roma, con l'aiuto di Indiana Mamma, Indiana Papà e della Nonna Sprint.

Dopo l'assemblaggio del vestito, venerdì sera Indy ha preparato una buonissima cena a base di pesce. Pasta allo scoglio e orata al forno. Ma mi sa che il pesce non è stato molto contento e si è vendicato...



Il giorno dopo, sabato, era il gran giorno. Mattina spesa, pomeriggio cucina. Ma a metà mattinata il dramma: Indy ha un po' di bruciore distomaco. Dovete sapere che Indy è un vero Indiana Acca da battaglia, capace di camminare per 20 chilometri sotto la pioggia, dormire d'inverno con la finestra aperta e senza piumone per poi svegliarsi fresco (nel vero senso della parola) e pimpante senza nemmeno un accenno di raffreddore, e simili prodezze.

Ma non toccategli lo stomaco. Se a Indy viene un po' di mal di stomaco è la fine, si ritroverà a dover mangiare patate lesse e carote bollite per i successivi 15 giorni.

E così è stato. La sera Indy aveva un simpatico colorito verdino, che fra l'altro non si adattava minimamente al vestito, e ha passato metà della serata a letto a contorcersi per il mal di stomaco. E il morbo non aveva risparmiato neanche me, anche se... diciamo che aveva preso altre vie....

Quindi riassunto della serata: Indy a letto e io ad organizzare la festa con frequenti pause, un po' per vedere come stava Indy e un po' per motivi... ehm... personali....

Poi a una cert'ora è arrivato Amico Lirico, che guarda caso è un medico (ma è appassionato di canto lirico e mi ha fatto scoprire l'opera, quindi è e rimane Amico Lirico). Ha visitato Indy e mi ha consigliao di dargli una certa medicina che non avevo.

Da bravo sant'uomo quale è mi ha anche accompagnato alla farmacia aperta il sabato sera, quindi intorno a mezzanotte Indy era stato curato e aspettava pazientemente che la pillolina magica facesse effetto.

La festa tutto sommato è andata bene, ma dato che non tutti sono venuti, (e alcuni non hanno mangiato, anche la ragazza di un mio amico non stava al meglio) ci sono rimaste vagonate di cose buone per il giorno dopo. Quando era, inoltre, previsto un pranzo in famiglia, situazione nella quale Indiana Mamma si trasforma in una sfornatrice automatica di infiniti manicaretti buonissimi.

Indy e io, naturalmente, abbiamo pasteggito a pasta scondita e patate lesse, fra un tripudio di pasta all'uovo fungi e salsicce, due tipi di carne, verdure di tutte le verietà, e una dozzina di dolci spettacolari.

Fra l'altro, essendo San Valentino, avevo prenotato in un ristorante buonissimo (QUI, se siete interessati, non è partocolarmente economico ma si mangia davvero bene). Prenotazione che abbiamo dovuto annullare.



Per festeggiare il fine settimana insieme avevamo anche pensato di andare a fare un giro a Firenze (prima si parlava di venerdì, poi di lunedì), ma Indy non stava ancora bene ed è tornato a casa.

Allora lunedì sono andata con Indiana Mamma a fare un giro in centro.

Le hanno rubato la borsa con tutto dentro,documenti, soldi, bancomat, carta di credito, chiavi di casa.


Murphy, mi vuoi lasciare in pace????????

3 commenti:

  1. Certo che a Roma se non stai attento ti portano via anche la mamma, non solo la sua borsa!

    Gulp...

    O dov'è tutta la sicurezza promessa dal nuovo sindaco?

    ---Alex

    RispondiElimina
  2. no, la mamma non credo, da buona mamma di Indiana Michi é parecchio combattiva... :D

    per il nuovo sindaco non so, non vivievo giá piú a Roma qiando é salito in carica e non so se ci siano stati cambiamenti :|

    RispondiElimina
  3. nuuuu...
    che concentrato di sfighe! :-(

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.