domenica 7 febbraio 2010

Cronache del fine settimana: la cena elegantissimissima

Venerdì sera a un certo punto Indy mi dice: "Scusa, arrivo subito, faccio una telefonata". Ok... vado a prendere una cosa nella valigia e ...sorpresa! Per fare la telefonata Indy si era chiuso a chiave nella camera da letto. Boh...

Dopo un po' arriva e mi dice: "senti, per festeggiare avevo pensato di invitarti domani sera a cena fuori, ma non c'è posto, andiamo stasera?" ah, ora ho capito! Ok!

Una breve passeggiata a piedi e mi ritrovo di fronte al ristorante più elegante della zona. Io ero reduce da 9 ore di viaggo e una notte insonne, vestita in jeans e maglione, e presa completamente alla sprovvista.

Beh, ecco, sono riuscita a dare il peggio di me. Mi sono sentita Fantozzi per tutta la sera. Mi è capitato parecchie altre volte di andare in ristoranti supereleganti, e per me non è assolutamente un problema, ma stavolta (complice forse il senso di inadeguatezza da vestito) ho fatto cose che voi umani non potete nemmeno immaginare. Tipo macchiare la tovaglia fin da subito, ad esempio.



Il menù era una degustazione, a base di pesce. Buonissimo. Se non che a un certo punto arriva il piccione. Erano tre pezzettini piccolini, non andavano tagliati. ne metto in bocca uno... NOOOOOOOO
C'è un osso enorme dentro!!!! AAAAHHHHH!!!! Mo' che faccio?? (per inciso: sei centimetri di osso per un pezzetto di carne di 3 centimetri e mezzo. Non ho capito come ho fatto a non vederlo, e naturalmente ho beccato l'unico dei tre pezzetti che conteneva l'osso).

Nel frattempo nei due tavoli di fronte a noi ferveva una conversazione ad alta voce (impossibile non sentirla) estremamente snob, della serie "no, guardi, caVa,  io ho tVovato il (nome di montagna africana) supeVioVe a tutto il Vesto" "La VingVazio peV il consiglio, ci andVò sicuramente" ecc ecc. Poi abbiamo scoperto che parlavano di alberghi montanari (noi eravamo già lì a immaginarci viaggi in terre esotiche).

Ognuno dei due tavoli era occupato da una coppia. Proprio di fronte a me sedeva un signore che a un determinato momento della serata ha deciso di mettersi a guardarmi. Non aveva uno sguardo particolarmente interessato, mi guardava come si guarda la pubblicità durante un film, distrattamente ma con gli occhi fissi sullo schermo. Già prima mi sentivo a disagio, figuriamoci con un osso di piccione in bocca e un tizio che non mi toglieva gli occhi di dosso.

Nel frattemo Indy non aveva capito il mio dramma, e io non potevo spiegarglielo per via della bocca piena. Credeva che avesssi mangiato qualcosa che proprio non mi piaceva, e ha iniziato a ridacchiare vedendo la mia faccia. Veniva da ridere anche a me, ma avevo problemi più seri da risolvere.
Alla fine in qualche modo sono riuscita a "sputare" l'osso di piccione e a spiegare il problema a Indy. Inutile dire che ne abbiamo riso fino alle lacrime...

Poi è entrato il camereiere e hachiesto agli ospiti dei tavoli a fianco al nostro se avevano gradito i cioccolatini. Chiede loro di indovinare gli ingredienti. Oltre a cioccolato e pepe (sì, pepe) abbiamo scoperto con una certa angoscia che il cioccolatino suddetto conteneva ache tracce di acciughe (ma non ditelo qui in giro che se no diventa un piatto tipico Krukko).

Dopo il piccione ci viene servito un "Sorbetto al cioccolato aromatizzato al bergamotto". In pratica gelato al cioccolato immerso ina specie diolio di oliva che odorava di agrumi. Se non che il gelato conteneva pezzi di sale grosso... Pupo docet?







Insomma, uno schifo. Ma la situazione è precipitata ulteriormente con l'ultimo dolce, una cosiddeta cagliata con amarene.

In pratica una specie di riba molliccia bianca insipida (tipo budino in busta di quinta categoria fatto con l'acqua) con un po' di amarena fabbri, che pur buona non riusciva a risoleevare il tutto.

A questo punto aspettavamo i famosi cioccolatini. ma non ce li hanno portati.

Naturalmente non abbiamo lasciato la mancia.

6 commenti:

  1. Ho riso fino alle lacrime anch'io, pensando di essere nei tuoi panni, con l'osso di piccione in bocca, l'abbigliamento casual e il tipo che ti fissava. Che bella cenetta romantica! Meno male che eri con Indy!

    RispondiElimina
  2. ma devo dire che ci siamo davvero divertiti, alla fine per un moticvo o per l'altro abbiamo riso per tutto il tempo! Siamo solo molto offesi per non aver assaggiato i cioccolatini all'acciuga!

    RispondiElimina
  3. Nooo il piccione noooooo!!! Uh bellino il nuovo blogghino! :D

    RispondiElimina
  4. grazie!!!! si, povero piccione :( :( :(

    RispondiElimina
  5. Il cioccolatino alla pasta balena mi mancaWa...

    La prossima volta però portaty anche un tovagliolo a Cuadri bianchi e rossi e mettilo al chollo!

    RispondiElimina
  6. idea geniale! accidenti, poteva venirmi in mente, però! :D
    la cosa spettacolare è che Indy prima di andare mi ha detto "E' cucina particolare, spero che ti piaccia" e io " ma si, sicuramente, a me piace sempre tutto, e poi mica faranno le acciughe con la cioccolata, no?"

    :O

    ...preveggenza...

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.