domenica 15 novembre 2009

Quiz impossibile (ancora più impossibile di quelli di Feisbuc)

Quando sono all'università parlano tutti in tedesco velocissimo, se capisco bene se non capisco chissene.

Venerdì pomeriggio, Barbecue all'aperto (BRRRRR).


A parte il prof hanno parlato tutti fra di loro velocissimamente in tedesco. Poi alla fine una si è girata verso di me, mi ha chiesto se capivo, ho detto di no perché parlavano troppo veloce, e ha ricominciato a parlare velocissimamente con gli altri. Degno di nota il fatto che tentassi di rivolgermi a loro in tedesco e loro mi rispondessero in inglese (parlare lentamente in tedesco evidentemente è al di sopra delle loro capacità).

Io dopo il barbecue. Avevo due maglie di cui una a collo alto, un maglione, il body, le calze, i calzini, i leggins, i pantaloni pesanti, il cappotto, il cappello, la sciarpa e i guanti.

Poi sono andata alla serata salsa. Mi sono presentata e mi hanno parlato in un tedesco COMPRENSIBILE, lentamente e con parole facili. Senza contare che la maggior parte di loro parlava anche perfettamente francese.

Ieri lezione di salsa. Ho capito praticamente tutto, e abbiamo parlato sempre e solo in tedesco.

Ora il quizzone: perchè a salsa sono disponibili e capisco, mentre all'università no?

fatevi sotto con le risposte!!!

9 commenti:

  1. In effetti è un po' difficile a spiegarsi...
    Anzi, è una situazione che è l'esatto contrario di come me l'aspetterei: l'ambiente accademico dovrebbe essere per definizione più aperto culturalmente...

    Un vero mistero, quando ne scopri la soluzione fammelo sapere!

    ---Alex

    RispondiElimina
  2. semplice.
    dipende dal grado di empatia della situazione.
    io ormai capisco benissimo i miei amici.
    mi risulta tuttora impossibile capire i miei colleghi al lavoro.
    secondo me è tutto lì.
    farsi capire dipende tantissimo da chi parla e dalla relazione che si instaura (anche in pochi secondi) con chi ascolta.
    in germania ho imparato la differenza fra "parlare" e "comunicare"...
    un bacio!

    RispondiElimina
  3. la soluzione è più facile di quanto non possa sembrare.... ;-)

    RispondiElimina
  4. ESATTO!!!
    all'università sono tutti tedeschi, al corso di salsa sono tutti stranieri!!!!

    RispondiElimina
  5.  Sono pienamente dacchordo con la Sign.na FRAUDELCIARO...dipende da chi hai di fronte!

    P.S.

    Ma il Tageschau lo capisci?

    RispondiElimina
  6. Esercizio di traduzione, si prende una canzone dei Queen, a caso, la si traduce in tedesco, si aggiunge un po' della apposita scenografia (alla Leni, per itenderci) e si ottiene il seguente video:
    http://www.youtube.com/watch?v=1YE_j0xIsJA&feature=related

    PS: non sono nazi, ma sono un gruppo che gioca tantissimo sull'iconografia totalitaria in genere, si chiama Laibach e sono sloveni...hanno fatto parecchie cover, tutte con lo stesso stile, a volte tradotte a volte no.
    Francesca (delle 70-valigie)

    RispondiElimina
  7. È la traduzione quasi letterale di questa canzone dei Queen:
    http://www.youtube.com/watch?v=dUsOR5rWH8I
    nota che c'è il testo a fianco, e se lo leggi senza conoscere la canzone è un po' "inquietante" : one race one religion.....

    Basta giocarci un po' e l'effetto è garantito, e Laibach lo fa cercando di portare tutti fuori dalla loro "confort zone".

    Ti consiglio di dare una occhiatina ai video di Laibach su youtube, per me sono dei fenomeni, anche se suonarli a palla in laboratorio può fruttarti qualche occhiataccia* (ottimo sottofondo per esperimenti noiosi, ti garantisco).
    Sono stati una ispirazione per Rammstein...

    *Da fare solo la sera tardi quando in giro non c'è più nessuno

    RispondiElimina
  8. I Rammstein piacciono un saco a Indiana Acca, li sentiamo spesso insieme, quando lui mi spiega le canzoni e i giochi di parole non sono male, ma ad esempio i video li trovo un po' inquietanti!

    Comunque farò un giro di video (magari insieme a Indy) poi ti dico!!!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.