domenica 5 luglio 2009

250 milioni di anni fa.... e oggi!

Poco più di 250 milioni di anni fa tutti erano felici e contenti e vivevano alla giornata senza preoccuparsi del futuro.


Già il fatto di non dover studiare geografia li aiutava molto, in quanto la geografia dell'epoca era completamente diversa da quella di oggi. Per dirne una l'Inia era attaccata all'Antartide, l'America Latina all'Africa e le Alpi si trovavano sotto il mare, se ci fossero state già le agenzie di viaggi già all'epoca tutti avrebbero fatto a gara per andarci perchè erano piene di coralli multicolori e di pesci tropicali.



C'era nello specifico un gruppo di animali che ci interessa particolarmente, i terapsidi, che se la stava spassando. Quando leggete un nome che finisce in -psidi molto probabilmente si tratta di rettili. Ma questi erano rettili molto particolari.
Da qualche tempo, infatti, stavano perdendo le carateristiche scheletriche tipiche dei rettili per assumerne delle altre. Si stavano trasformando in... ma non corriamo troppo.


250 milioni di anni fa (anno più anno meno) il 90% circa delle forme di vita si estinse. Non si sa perchè, c'è chi dice che c'entrassero i vulcani, ma non si hanno notizie più precise. Nota Bene: di tratta dell'estinzione della fine del Permiano, non della parente più famosa che avvenne alla fine del Cretaceo, quella che ha fatto fuori i dinosauri.


Di solito quando avviene un'evento di questo genere un sacco di ambienti (nicchie ecologiche) rimangono libero, e gli animali rimasti possono colonizzarli, non essendoci più nessuna competizione. Ognuna di queste nicchie presenta condizioni ambientali diverse e i gruppi che le occupano vengono sottoposti a diversi tipi di selezione diversificandosi notevolmnte gli uni dagli altri (radiazione adattativa).


I terapsidi parteciparono alla corsa alla conquista degli spazi rimasti liberi ma arrivarono secondi. La medaglia fu dei dinosauri, che colonizzarono terra, acqua e aria per decine di milioni di anni, diventendo nel frattempo a sangue caldo, formando le penne e dando vita agli uccelli (che per alcuni sono dinosauri ancora viventi).


I discedenti dei terapsidi, piccoli, probabilmente già a sangue caldo e decisamente meno feroci dei loro antagonisti rimasero letteralmente nell'ombra diventando specie notturne.


Poi, 65 milioni di anni fa (anche qui anno più anno meno) secondo alcuni un grosso meteorite si schiantò nello Yucatan e provocò ancora una volta l'estinzione di gran parte delle specie vivnti, dinosauri compresi. La storia del meteorite è un po' dubbia, ma l'estinzione è sicura.


Stavolta i discendenti dei terapsidi arrivano primi, ma non sono più rettili. Sono MAMMIFERI.


Se non ci fosse stata l'estinzione della fine del Permiano probabilmente i terapsidi sarebbero diventati mammiferi molto prima. E i dinosauri forse non ci sarebbero stati.


Passa il tempo...


Il 12 maggio del 1989 una piccolissima Indiana Michi ricevette dallo zio un bellissimo dinosauro giallo e rosa (che vedete qui) e fu amore a prima vista.


Qualche anno prima un piccolissimo Indiana Acca ricevette dalla zia un bellissimo libro sui dinosauri. E fu amore a prima vista.


I due crescevano e continuavano a rompere continuamente le scatole alle loro famiglie con questa storia dei fossili.


9 anni e un giorno fa la mamma di Indiana Michi le disse "Guarda, quel ragazzo è un paleontologo, prova a chiedergli dove si possono trovare i fossili". Non fu amore a prima vista, ma col tempo...


Insomma, se non ci fosse stata l'estinzione della fine del Permiano, che ha permesso la scalata al successo dei dinosauri, Indiana Michi e Indiana Acca 9 anni (e un giorno) fa non si sarebbero conosciuti.


Auguri Indy, e viva l'estinzione della fine del Permiano!!!!!!!


 


P.S.: sono arrivata a Londra (YEAH) e qui non ho libri sull'argomento, ho fatto tutto a memoria. Stasera faccio controllare a Indy, se ci sono inesattezze chiedo scusa...

5 commenti:

  1. Aspetta...ma non è la megaestinzione di BLATTE dei libri di Gould...che era il cambriano quello?

    RispondiElimina
  2. non lo so, non ho presente... di blatte non ne so proprio nulla, ho studiato solo i vertebrati... sorry!

    RispondiElimina
  3. Uauuuuu !! e buona Londra . LaVale

    RispondiElimina
  4. grazie, me la sto godendo tutta!!!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.