lunedì 20 aprile 2009

Fumare

Fumare tanto è un atto di egoismo.  Per un piacere personale si obbliga i propri cari a vivere un calvario.


Si inizia con l'affanno, che toglie il piacere delle piccole cose, prendere in braccio un nipotino, fare una sciata con il proprio figlio.


Poi le catene si stringono sempre di piú attorno al corpo e ogni atto è uno sforzo.


E i parenti assistono impotenti alle nottate interrotte dai colpi di tosse, alla mobilitá sempre piú ridotta, ai continui sacrifici perchè "non ce la faccio", a una vita in schiavitú.


Fino al momento della diagnosi. E allora spesso non c'è altro da fare che abbracciare la persona che si ama e tenerle la mano fino alla fine.


E tutto questo per cosa? per una manciata di foglie secche?


Quando accendete una sigaretta pensate a cosa puó significare per una persona che vi ama sentire il vostro torace squartato dalla tosse. O accettare quella diagnosi.


Perché io ci sono passata. E putroppo ci passeró. E perdere una persona cara per un motivo cosí idiota non mi va giú.


Il cancro é una bruttissima bestia, e non vale proprio la pena di invitarlo.


Dedicato a Ugo, e a tante altre persone intelligenti che hanno fatto questa stupidaggine che é costata o costerá loro la vita.


P.S.:  quando un fumatore dice "è una mia scelta, ho il diritto di ammazzarmi come mi pare", beh, non é vero. Perche quando qualcuno sta male possono essere in tanti a vivere un inferno.

11 commenti:

  1. Michi, senza volere hai toccato un mio personalissimo tasto dolente. Vai al mio post Depre quando puoi e se ti va.

    RispondiElimina
  2. Hai perfettamente ragione...


    ---Alex

    RispondiElimina
  3. Io fumo, una pipa o un mezzo toscano al giorno o meno, a seconda del tempo.


    Non ritengo che fumare in questo modo sia più dannoso del mangiarsi una bistecca o del bere un pajo di bicchieri.


    Le sigarette non le sopporto, e purtroppo la mia fidanzata ne fuma molte. Nonostante la bimba. Non vuole smettere. E spero che il peggio non accada.


    Hai toccato un tasto dolentissimo...


    P.S.

    Lavoro anche all'analisi di tumori al polmone...Ti garantisco che non è una bella cosa...Prima o poi ne parlo anche sul blogghino...


    --

    Angelo

    RispondiElimina
  4. No no, nessun dispiacere. Hai ragione. Avevo già letto il tuo commento, ma non sapevo se tu avessi letto il proseguo.

    E poi che non è finita... ora viene il girone delle visite. Ma ce la farò!

    RispondiElimina
  5. Angelo: Una persona della mia famiglia ha fatto la stessa scelta. E so che saremo in tanti a pagarne le conseguenze. Spero che la mamma delle bimbetta arrabbiona cambi idea presto.

    Pit: Come ti ho detto mia mamma ha smesso di fumarequalche anno fa e per i primi mesi é stata malissimo, aveva sempre tosse, catarro, fiato corto. Ora va meglio, ti auguro che passi presto anche a te.

    RispondiElimina
  6. tutte note giuste...io ne funo due la sera dopo cena...sai mi rilasso e le concepisco come un bicchiere di vino...rientra in quegli appaggamenti liberatori... so che puo essere sbagliato ma la mente ha anche il bisogno di divagare... certo uno mi dirà il vino nutre la sigaretta no... ma cosa che mi faccia (facciamo corna) quelle due sigarette...poi c'è chi dice che si inizia cosi per arrivare al pacchetto...da anni ne fumo una due al giorno...amen non ho il vizio...sto sbagliando?

    RispondiElimina
  7. Caro ChefMaro, io non sono un medico e non so quanto effettivamente le sigarette facciano male. Ma TANTE SIGARETTE fanno sicuramente male, vivo con una opersona che fuma tantissimo e da anni convive con un enfosema sempre piú forte, ho perso una persona cara a causa di problemi respiratori legati al fumo....

    Non so né voglio dirle se sbaglia a fumare le sue due sigarette al giorno, ho solo voluto proporre l'altra faccia della medaglia, a cui alcuni fumatori non pensano.

    RispondiElimina
  8. Le due sigarette al giorno fanno male come ... due sigarette al giorno.

    Il catrame si deposita nei polmoni e la nicotina "avvelena" i recettori nel cervello stimolando la dipendenza dal fumo.


    l'alcool contenuto in singolo bicchiere di vino al giorno produce una moderata euforia e viene rimosso dall'organismo di una persona sana nel giro di poche ore. Il resto del vino contieneun gran numero di composti che hanno effetti positivi sulla salute come i polifenoli.


    Senza contare che chi fuma, spesso lo fa in presenza di altre persone che sono quindi "costrette" a subire il fumo passivo e chi invece si bene un singolo bicchiere di buon vino non obbliga la compagnia a fare altrettanto.


    Mi sembra ci sia una bella differenza...


    ---Alex

    RispondiElimina
  9. Molti fumatori ci pensano. Semplicemente non gli frega nulla...


    --

    Angelo

    RispondiElimina
  10. sai, non credo che molti fumatori ci pensino. Credo che, come in molti casi, si tenda a pensare che "a me non succederá". Inoltre ritengo che il fumo sia percepito come un problema piú personale che "sociale": "sono io che sto male, la scelta é mia".

    RispondiElimina
  11. ma la cosa peggiore è che quando uno fuma di fronte ad altra gente, mica chiede se da fastidio o si sposta!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.