lunedì 21 luglio 2008

Cose che amo di Parigi: 1, il cibo

Se scrivo le cose che odio devo anche bilanciare con le cose che amo, no?


Ecco di seguito elencati i cibi francesi che mi piacciono di più.


Il pane:



Il pane francese è favoloso. Vicino casa ho una panetteria di quelle serie, che oltre al pane fanno anche dolci, paste, torte e chi più ne ha più ne metta (per chi volesse provarla è a Rue Dufrenoy, a un quarto d'ora di cammino da Trocadero, la piazza di fronte alla Tour Eiffel). E anche concentrandosi solo sul pane ci sono numerose varianti. La baguette, che tutti noi conosciamo, é quel mezzo metro e più di pane dorato, croccante, fragrante. 


Nella stessa famiglia c'è il rétro (leggi retrò), ha più o meno la stessa forma della baguette ma è più corto e più pesante (infatti costa un po' di più). Rispetto alla cugina più famosa la crosta è più scura e spessa, normalmente ricoperta da un velo di farina, mentre la mollica è più densa ed elastica. E' disponibile anche nella versione demi-rétro (leggi demì retrò), più piccolo ancora, pesa la metà (e costa un po' meno della metà) ed è adatto a chi vive da solo.


Poi ci sono le ficelles (leggi fisèll) bastoncini di pane di circa 30 centimetri di lunghezza, un po' appiattiti, morbidi all'interno e abbastanza croccanti fuori, con pezzetti di olive, pancetta o formaggio (penso ne esistano anche altre varianti, comunque queste sono le più famose).


Nauralmente ho elencato solo il pane che preferisco, ma ci sono infinite varianti....


Il croque madame:



Il croque monsieur è una sorta di tost, quadrato, contiene prosciutto e formaggio ed è ricoperto da una montagna di emmental rapé. Se ci aggiungete un uovo al padellino sopra diventa un croque madame.  Naturalmente rimane sullo stomaco per tre giorni, ma è trooooopppo buoooonooooooo!!!!


La crème brulée:



Si tratta  di una ciotolina di crema (non quella inglese, e nemmeno tipo créme caramel, non ne so la ricetta precisa) ricoperta da uno spesso strato di zucchero. Lo zucchero poi viene bruciato con una particolare piastra precedentemente arroventata o con una specie di fiamma ossidrica portatile. Sciogliandosi forma una crosta marrone e croccante, da rompere per raggiungere la crema..........


no, non ce la faccio a continuare, l'elenco dei cibi finisce qui per eccessiva fame della scrivente....

4 commenti:

  1. Oddio. Io non amo nessuna di queste tre proposte (nonostante nessuna di questa abbia intenti dietetici nei confronti del loro assaggiatore).

    Di cosa mi nutrirò quando verrò in Francia?!


    Lo so già. Adrò al McDonald, da brava turita incompetente.

    RispondiElimina
  2. ma no, queste sono alcune delle mie scelte, ma posso assicurarti che (ad esempio) se vai in una boulangerie seria ci sono decine e decine di dolci per tutti i gusti. Inoltre ci sono in giro un sacco di Starbuks, che secondo me fanno i muffin più buoni di Parigi, puoi trovare ovunque delle insalatone megagalattiche che definire "non dietetiche" è un eufemismo, la carne di manzo è buona ovunque (se ti piacciono le salse ce ne sono due o tre da provare, se no la si può chiedere "nature"), le crepes con dentro di tutto di più.... tranquilla, si riesce a mangiare bene!

    RispondiElimina
  3. l'ultima è la crema catalana, tipica spagnola della Catalogna! olè!

    e poi la baguette è più gustosa quando nel portarla a casa te la metti sotto l'ascella puzzolente!

    RispondiElimina
  4. gnam... grazie per avermi consigliato una buona panetteria, adesso che so l'indirizzo parto subito, mi pare così comoda... :-P cmq dove abito io (hai presente la zona) dovrebbe essere buonissimo il pane, ma in realtà lo fanno sempre peggio!

    in realtà conosco ben poco della cucina francese e apprezzerei qualsiasi altra notizia.

    BUONE VACANZE, già che ci sono!

    RispondiElimina

I commenti sono moderati. Se ritenuti scortesi, maleducati o inappropriati non verranno pubblicati.