giovedì 29 novembre 2007

Barbie

Dopo una parentesi più seria (eh già, capita anche a me...) torno sui vostri monitor per raccontarvi qualcosa che mi è successo ieri...

Ero in un ipermegaenormesupermercato e per caso sono capitata nnel reparto giocattoli... insomma, per caso, in realtà in vista delle feste hanno trasformato l'intero ipermegaenormesupemercato  nel reparto giocattoli... comunque...

Capito nel reparto giocattoli, do un'occhiata e resto annichilita...

Ecco i nuovi modelli di Barbie:

Barbie Chat Diva: parla al cellulare, ha il microfono e l'impianto stereo e se la colleghi all'I-pod (mica al lettore mp3...no!) canta con te. Per la prima volta nella storia una Barbie ha la bocca aperta...


Barbie balla con te: si chiama Geneviéve (Poraccia!!!!) Alta 40 cm, interattiva, 3 modalità di gioco:

Barbie ti insegna a danzare , tu segui i suoi passi !

Danzate insieme , Barbie segue i tuoi passi ,come una vera coppia di ballerine!

Barbie si esibisce da sola


Non ho parole....

Michela

mercoledì 28 novembre 2007

Dimentichiamo.......... ovvero Viva la Libertà

Tutti a raccolta, in alto le fiaccole, è ora di metterci in marcia contro la dittatura del positivismo!

Per i nostri ragazzi, per la Cristianità, per la libertà di pensiero, spazziamo via dai libri di scuola tutte le menzogne che la scienza ci propina! Questa è una battaglia per la verità e per il popolo.

Dimentichiamo Niccolò Copernico: è evidente per tutti che il Sole si muove nel cielo, chiunque lo può constatare, ma per cinque secoli gli scienziati sono riusciti, incredibilmente, a convincerci del contrario. Svegliamoci, usiamo la nostra testa, senza più farci truffare da falsi maestri!
Dimentichiamo Isaac Newton: l’assurda legge che porta il suo nome, secondo la quale oggetti che non si toccano si attrarrebbero a vicenda, è un’evidente falsità! Forse che due mele, appoggiate sul tavolo, rotolano l’una verso l’altra? Dove si è mai vista una cosa simile?

Dimentichiamo Eratostene, e con lui tutta la congrega di assertori della sfericità della Terra: forse che andando in Australia ci sentiamo venire il sangue alla testa, o ci escono gli oggetti dalle tasche, o ci ritroviamo la cravatta davanti al naso? La superficie dell’acqua in una scodella è chiaramente piatta, perché non dovrebbe esserla anche quella dell’oceano? Nemmeno Cristoforo Colombo, povero stupido, è mai arrivato in Oriente, contrariamente a quanto vogliono farci credere!
Dimentichiamo Werner Heisenberg e il suo insulso principio di indeterminazione: forse che la pattuglia della polizia stradale non è in grado di dirvi contemporaneamente dove eravate e a quale velocità stavate viaggiando?

Dimentichiamo Albert Einstein: la sua relatività è una teoria distruttiva, uno sterile cerebralismo, che mina la Verità dell’Assoluto, peraltro in clamorosa e dichiarata contraddizione con il suo collega Newton. Dove sarebbe, quindi, la verità della scienza? Che dire, inoltre, della bomba atomica?
Dimentichiamo le scoperte di Edward Jenner, Louis Pasteur e Robert Koch: con le loro cure delle malattie infettive, hanno provocato un aumento gigantesco del numero di morti per tumore. E adesso gli scienziati ci chiedono continuamente montagne di soldi per la ricerca sul cancro!

Dimentichiamo Ignàc Semmelweis: la vita umana è nelle mani della Provvidenza, nessuno di noi ha il diritto di stabilire se una donna su tre deve o non deve morire di parto in ospedale!
Dimentichiamo Albert Sabin e il suo vaccino contro la poliomielite: egli rinunciò a brevettarlo per garantirne la massima diffusione nel mondo. Dato che nessuno può essere così stupido da rinunciare a una fonte di guadagno così grande, deve certamente aver avuto un secondo fine. Ancora oggi non sappiamo quali effetti nocivi il vaccino abbia diffuso nella popolazione mondiale. Questo dimostra quanto gli scienziati siano subdoli e malvagi!

Dimentichiamo René-Just Hauy e tutti gli altri studiosi della cristallografia: rivendichiamo la libertà di credere che le forme perfette dei cristalli siano il risultato di influssi celesti e, come tali, portatrici di proprietà curative. Perché togliere le speranze ai malati?
Dimentichiamo Denis Papin e la sua prima macchina a vapore: noi siamo contrari alla pentola a pressione!

Dimentichiamo gli studi di Alessandro Volta e James Maxwell: l’elettricità uccide molte persone ogni anno, e per di più ci induce a fare tardi la sera, corrompendo le nostre abitudini. Non andare a letto presto ha provocato una riduzione delle nascite, con il risultato che la società occidentale, altrimenti superiore alle altre, è oggi in piena decadenza!
Dimentichiamo Carlo Linneo: che senso ha perdere tempo e denaro per dare un nome a tutti quegli insignificanti esseri disgustosi che vivono nella terra e nelle profondità marine, i quali non sono di nessuna utilità per noi?

Dimentichiamo Gregor Mendel e la genetica: dietro questa scienza, contraria alla dignità dell’uomo, si nascondono terribili minacce per l’umanità!
E soprattutto dimentichiamo Charles Darwin, anche se non ci è chiaro il perché. Ma è proprio questo che ci procura il maggior fastidio.
Rivendichiamo in ogni caso a voce alta, per il nostro bene e per il bene dei nostri figli, la libertà di bruciare streghe sui roghi!



Proponiamo infine, per risolvere i problemi della disoccupazione e dell’economia, di utilizzare tutti i fondi fino ad ora sprecati nella ricerca scientifica per promuovere con ogni mezzo le attività di astrologi, maghi, cartomanti, guaritori, pranoterapeuti e indovini, nonché la vendita di alghe dimagranti, di amuleti e di numeri del lotto. Milioni di Italiani sono con noi: ciò significa che si produrrebbe un enorme giro d’affari, e avremmo abbastanza denaro per risolvere tutti i problemi.



Giorgio Bardelli (curatore al Museo di Storia Naturale di Milano)



da Pikaia















lunedì 26 novembre 2007

Da dove veniamo?

Da secoli l'uomo si interroga sulla sua esistenza... le celebri domande CHI SIAMO, DA DOVE VENIAMO e DOVE ANDIAMO hanno assillato generazioni di filosofi, scienziati, intellettuali... una di queste domande mi è stata posta oggi sotto forma di una catena da Slicca... ecco qui le mie riflessioni sull'argomento


Da dove veniamo? (ovvero: Come sei diventato blogger?)


così come l'uomo si è evoluto da antenati scimmieschi che a loro volta derivavano da antenati topiformi vissuti all'epoca dei dinosauri anche questo blog è una evoluzione di un windows live space che avevo creato precedentemente, chiuso al pubblico. Poi ho deciso di gettarmi nella lotta per l'esistenza, ed eccomi qui


In risposta a quale pressione selettiva si è sviluppato questo adattamento? (ovvero: Chi o cosa ti ha spinto a creare un blog?)


la pressione selettiva è stata rappresentata da Arianna, il cui blog è stato per me un raggio di luce gioiosa nelle tristi e fredde giornate ferraresi... mi è venuta voglia di scrivere ma il windows live space non mi permetteva di esprimere a fondo la mia creatività per quanto riguarda immagini sfondi e co (non hanno lo sfondo dell'era glaciale, insomma, so' probblemi...) e quindi mi sono trasferita in una nicchia ecologica le cui risorse fossero più confacenti alle mie caratteristiche (=sono passata a splinder)


Il tuo primo post.


non avevo idea di cosa avrei potuto scrivere. e si è visto.


L'adattamento peggiore (Il post di cui ti vergogni di più? )


Il primo... ma ancora non mi ero abituata al nuovo ambiente!


L'adattamento migliore (Il post di cui sei più fiero?)


I miei cavalli di battaglia sono Mattina, Intimissimi, SOS zanzare... ma in generale sono soddisfatta dei miei post...


nomino... no, non nomino, meglio così per la mia incolumità!


Baci


Michela

martedì 20 novembre 2007

Belli i complimenti...

Ricevere un complimento è una delle cose più belle che possa capitare ad un donna... o no? ecco qui i complimenti più ... più... ehm... vabbè, più ............... che io abbia ricevuto! (per chi vuole inserire la parola mancante, se esiste nel vocabolario, prego cliccare sul link Commenti)


Hai un cranio molto mediterraneo fa sempre comodo saperlo


Sei come un fossile raro dai che ti sei salvato con il "raro"....


Sei un Homo heidelbergensis* per la mia abilità nella scheggiatura, sia chiaro... (wow, ho fatto la rima! che poetessa!)


Strepto-cocca Mitocondrio!


Per me sei una sorella mentre a sua insaputa io avevo una cotta assurda per lui


Sei un mammut si, secondo chi me l'ha detto è un complimento, non chiedetemene la ragione


...forse dovrei fare più attenzione a chi frequento?


*Homo heidelbergensis: in breve forma umana da cui si è sviluppato l'uomo di Neandertal. Quest'ultimo, so di distruggere un mito, non era un antenato dell'uomo moderno.


 

Come far innamorare una donna, ovvero belli i complimenti....

Ricevere un complimento è una delle cose più belle che possa capitare ad un donna... o no? ecco qui i complimenti più ... più... ehm... vabbè, più ............... che io abbia ricevuto! (per chi vuole inserire la parola mancante, se esiste nel vocabolario, prego cliccare sul link Commenti)

Hai un cranio molto mediterraneo fa sempre comodo saperlo
Sei come un fossile raro dai che ti sei salvato con il "raro"....
Sei un Homo heidelbergensis* per la mia abilità nella scheggiatura, sia chiaro... (wow, ho fatto la rima! che poetessa!)
Strepto-cocca Mitocondrio!
Per me sei una sorella mentre a sua insaputa io avevo una cotta assurda per lui
Sei un mammut si, secondo chi me l'ha detto è un complimento, non chiedetemene la ragione ...forse dovrei fare più attenzione a chi frequento?

 *Homo heidelbergensis: in breve forma umana da cui si è sviluppato l'uomo di Neandertal. Quest'ultimo, so di distruggere un mito, non era un antenato dell'uomo moderno.

giovedì 15 novembre 2007

La preistoria...

Un bambino preistorico torna alla caverna con la pagella.
Mette il lastrone di pietra sul tavolo.

Il padre prende il lastrone in mano per leggerlo ....
sconsolato ... scuote la testa e non si capacita...

4 in italiano ...
lo capisco ... e' poco che parliamo, sono le prime volte!

4 in matematica ...
lo capisco ... le nostre menti non sono ancora sufficientemente evolute!

MA... 4 in storia ...
te prego ... so' du' stupidaggini!!!

mercoledì 14 novembre 2007

Mi piace il Jazz

Rispondi ad ogni domanda con il titolo di una canzone che hai nel lettore mp3

....non si vede che amo il jazz....

 

1) Come ti senti oggi? a foggy day...

2) Dove arriverai nella tua vita? April in Paris, New York New York....

3) Come ti vedono i tuoi amici? Qualcosa di grande!

4) Ti sposerai? The man I love!

5) Qual'è la canzine adatta al tuo migliore amico/a? Grazie mille

6) Com'è la tua vita? stormy weather

7) Com'è stato il tuo liceo/università/posto di lavoro? parole parole

8) Qual'è la tua filosofia di vita? la vie en rose

9) Qual'è la cosa più bella dei tuoi amici? Insieme

10) Cosa hai in programma per questo week end? un'avventura

11) La canzone per descrivere i tuoi nonni? summer wind

12) Come va la vita? Come rain or come shine

13) Come ti vede il mondo? una donna per amico

14) Avrai una vita felice? vorrei

15) Che cosa pensano realmente di te i tuoi amici? pensiero stupendo!!!!!!!

16) La gente segretamente ti brama? dream a little dream of me

17) Come puoi essere felice? fly me to the moon

18) Avrai dei figli? Ma no ma si ma su ma dai

19) Se un uomo su un camion ti avesse offerto una caramella tu cosa avresti fatto? Mio Dio no

20) Cosa pensa di te tua mamma? How high the moon

21) Qual'è il tuo più grande segreto? prisencolinanciusol

22) Qual'è la canzone del tuo peggior nemico? Era

23) Com'è la tua personalità? Bella vera

24) Qual'è la canzone che sarà suonata al tuo matrimonio? Love is here to stay

25) Fai lo spelling del tuo nome con le canzoni:

 M: Moon river

 I: I got rythm

 C: Come fly with me

 H: How high the moon

 E: E se domani

 L: Let's do it (let's fall in love)

 A: A tisket a tasket


e ora mi toccano le nomination....

ma no, non sono così cattiva, chi vuol raccogliere la provocazione raccolga!


Michela

martedì 6 novembre 2007

Generazione anni 80

E voi che generazione siete? ecco la mia!


Noi che ci divertivamo anche facendo 'Strega comanda color' e "regina reginella" e i passi più gettonati erano quelli a barattolo
Noi che facevamo 'Palla Avvelenata'
Noi che giocavamo regolarmente a 'Ruba Bandiera'.
Noi che non mancava neanche 'dire fare baciare lettera testamento'
e incidevamo la lettera sulla schiena in un modo che l'inquisizione ci ha sempre invidiato
Noi che i pattini avevano 4 ruote non allineate e si allungavano quando il piede cresceva e non usavamo casco, polsiere, ginocchiere ma siamo sopravvissuti lo stesso
Noi che mettevamo le carte da gioco con le mollette sui raggi della bicicletta. no questo non lo facevo
Noi che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più figo.
Noi che 'se ti faccio fare un giro con la bici nuova non devi cambiare le marce'.
Noi che passavamo ore a cercare i buchi sulle camere d'aria mettendole in una bacinella. perché, ora come si fa?
Noi che il Ciao si accendeva pedalando.
Noi che suonavamo al campanello per chiedere se c'era l'amico in casa. e se non c'era la sua mamma ci offriva il gelato 'la Cremeria'
Noi che facevamo a gara a chi masticava più big-babol contemporaneamente. ed erano rigorosamente piene di zucchero e coloranti
Noi che avevamo adottato gatti e cani randagi che non ci hanno mai attaccato nessuna malattia mortale anche se dopo averli accarezzati ci mettevamo le dita in bocca.

Noi che i termometri li rompevamo, e le palline di mercurio giravano per tutta casa.
Noi che dopo la prima partita c'era la rivincita, e poi la bella, e poi la
bella della bella. (pure mò)
Noi che giocavamo a 'Indovina Chi?' anche se conoscevi tutti i personaggi a memoria (e la domanda 'è uomo o donna si poteva fare per 10° perché se no se ti capitava una donna con gli occhiali e il cappello era la fine)
Noi che giocavamo a fiori frutta e città (e la città con la D era sempre Domodossola)..
Noi che con le 500 lire di carta ci venivano 10 pacchetti di figurine. No, vebbè, a quell'epoca ancora non c'ero... però mi ricordo i gettoni del telefono che valevano 200 lire!
Noi che ci mancavano sempre quattro figurine per finire l'album Panini. E ne avevamo 200 copie di quelle più brutte con non avremmo potuto scambiare neanche pagando.
Noi che avevamo il 'nascondiglio segreto' con il 'passaggio segreto'.
Noi che le cassette se le mangiava il mangianastri, e ci toccava riavvolgere il nastro con la penna. Io ero evoluta e usavo le chiavi che facevo prima
Noi che in TV guardavamo solo i cartoni animati. E solo di Walt Disney perché gli altri erano diseducativi
Noi che avevamo i cartoni animati belli!!! e il sabato sera c'era Romina Power che presentava il cartone Disney sulle note di "When you wish upon a star"
Noi che abbiamo raccontato 1.500 volte la barzelletta del fantasma formaggino. Io l'ho raccontata l'ultima volta meno di un mese fa per istruire le nuove generazoni  sfortunate (18enni) che non la conoscono.
Noi che ci emozionavamo per un bacio su una guancia.
Noi che non avevamo il cellulare per andare a parlare in privato sul terrazzo. ma manco la possibilità di usare il telefono quando ci pareva
Noi che i messaggini li scrivevamo su dei pezzetti di carta da passare al compagno. o da mettere fra la sedia e la schiena del compagno davanti
Noi che si andava in cabina a telefonare. coi gettoni
Noi che c'era la Polaroid e aspettavi che si vedesse la foto. e dopo qualche tempo la foto si schiariva, si sfogliava e rimpiangevi di non aver usato il rullino
Noi che non era Natale se alla tv non vedevamo la pubblicità della Coca Cola con l'albero. e non arrivavano a scuola i cataloghi dei giocattoli della GIG e della Giochi preziosi
Noi che le palline di natale erano di vetro e si rompevano.
Noi che al nostro compleanno invitavamo tutti, ma proprio tutti, i nostri compagni
di classe. oppure portavamo la torta a scuola e facevamo un regalino ciascuno diversi per maschi e femmine
Noi che facevamo il gioco della bottiglia tutti seduti per terra.
Noi che se guardavamo tutto il film delle 20:30 eravamo andati a dormire tardissimo.
Noi che giocavamo a calcio con le pigne.
Noi che le pigne ce le tiravamo pure. e finché sono aperte va pure bene, ma chiuse....
Noi che suonavamo ai campanelli e poi scappavamo. e non c'erano telecamere a riprenderci
Noi che nelle foto delle gite facevamo le corna ed eravamo sempre sorridenti. salvo poi pestare chi faceva le corna
Noi che il bagno si poteva fare solo dopo le 4. e se erano le 4 e mezza era meglio
Noi che a scuola andavamo con cartelle da 2 quintali. senza carrellino
Noi che quando a scuola c'era l'ora di ginnastica partivamo da casa in tuta. e era comprata al mercato, non dell'adidas o della nike
Noi che a scuola ci andavamo da soli e tornavamo da soli.
Noi che se a scuola la maestra ti dava un ceffone, la mamma a casa te ne dava due.
Noi che se a scuola la maestra ti metteva una nota sul diario, a casa era il terrore.
Noi che le ricerche le facevamo in biblioteca, mica su Google. e per le immagini usavamo i libretti "ricerca" che si compravano dal cartolaio
Noi che internet non esisteva.
Noi che però sappiamo a memoria 'Zoff Gentile Cabrini Oriali Collovati Scirea Conti Tardelli Rossi Antognoni Graziani (allenatore Bearzot)'. io no, è grave?
Noi che 'Disastro di Cernobyl' vuol dire che non potevamo bere il latte alla mattina.
Noi che compravamo le uova sfuse, e la pizza alta un dito, con la carta del pane che si impregnava d'olio. ed era quella la merenda
Noi che non sapevamo cos'era la morale, solo che era sempre quella.. fai merenda con Girella.. questa non l'ho capita...
Noi che si poteva star fuori in bici il pomeriggio.
Noi che se andavi in strada non era così pericoloso.
Noi che però sapevamo che erano le 4 perché stava per iniziare BIM BUM BAM.
Noi che sapevamo che ormai era pronta la cena perchè c'era Happy Days. no, questo proprio non me lo ricordo
Noi che il primo novembre era 'Tutti i santi', mica Halloween.


Che fortuna esserci stati!